Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Sotto l'ombrello del turismo, imprenditrici arabe e italiane si confronteranno nell'ambito della seconda edizione del ''Forum +, Donne d'impresa del Mediterraneo, il turismo come energia di scambio culturale, sociale ed economico'', in programma quest'anno dall'8 al 10 novembre, a Catania, presso il Palazzo della Borsa.


Il Forum internazionale ha un duplice obiettivo: lanciare un segnale forte e concreto a favore di una imprenditorialità innovativa al femminile e creare contatti diretti per sviluppare nuove opportunità di business tra le due sponde del Mediterraneo. La tre giorni - la cui prima edizione si è tenuta l'anno scorso a Torino - quest'anno sarà organizzata dalla Camera di Commercio di Catania in collaborazione con Confcommercio e ''Non c'è Pace Senza Giustizia'', l'ente internazionale no profit fondato dalla senatrice Emma Bonino, che interverrà all'evento.

Durante la prima giornata si svolgeranno gli incontri ''B to B'' concepiti come una sorta di agorà tra le imprenditrici italiane e quelle provenienti da Libia, Egitto, Tunisia, Libano, Turchia, Algeria. In scaletta, il 9 novembre, un convegno sul tema della libertà e della giustizia. Forti dell'esperienza di Torino che ha coinvolto 9 paesi, 36 rappresentati delle imprenditrici straniere, 100 imprenditrici italiane all'agorà, 400 presenze alle sessioni lavoro, l'edizione di Catania vuole essere focalizzata ancora di più sullo sviluppo sostenibile del turismo, sull'enogastronomia con attenzione all'ambiente e al territorio in modo da diventare un contenitore che possa incentivare dibattiti e scambi di idee. La scelta di Catania, per l'edizione 2012, inoltre, intende rafforzare il ruolo dell'Italia come ponte tra le due sponde del Mediterraneo.