Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

La direzione della Commissione Ue per gli aiuti umanitari (Echo) ha appena lanciato il suo sito web in arabo. L'iniziativa è destinata sia alle organizzazioni umanitarie partner dell'Ue, sia a persone con un interesse nel settore degli aiuti umanitari che parlano arabo. Il nuovo portale offre informazioni sui principi umanitari dell'Ue, sui meccanismi di finanziamento di Echo, sulle sue politiche in settori specifici come aiuti alimentari, ma anche storie raccolte dalle aree di crisi.


L'ufficio umanitario della Commissione europea è stato creato nel 1992 come espressione della solidarietà Ue rispetto alle persone bisognose di aiuto in tutto il mondo. In 20 anni questo ufficio ha fornito 14 miliardi di euro di assistenza umanitaria alle vittime di conflitti e disastri in 140 Paesi nel mondo. Negli ultimi cinque anni la media annuale del budget di Echo ha raggiunto un miliardo di euro e solo nel 2011 questi fondi hanno raggiunto 150 milioni delle persone più vulnerabili in oltre 80 Paesi. Nel 2004 Echo è diventato una direzione della Commissione europea, inglobando anche la protezione civile nel 2010, per un migliore coordinamento nella capacità di affrontare i disastri, all'interno e al di fuori dell'Ue. Kristalina Georgieva è il primo commissario europeo dedicato a cooperazione internazionale, aiuti umanitari e risposta alle crisi.

Approfondimenti