Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

L’Euroregione Adriatica cambia nome e s'allunga fino allo Ionio. D’ora in poi si chiamerà “Euroregione Adriatico Ionica”. Quindi sono ampliate le competenze. C'è anche un cambio di struttura organizzativa con la costituzione di un segretariato con sedi in Croazia ed a Campobasso. A Termoli si è riunita l'Assemblea generale dell'Euroregione che ha approvato queste nuove iniziative, cambiando anche lo statuto.


Le strategie pertanto dell'Euroregione Adriatico Ionica coinvolgeranno nuovi territori. Il Presidente dell'Euroregione, Michele Iorio, ha spiegato che ''c'e' stata una partecipazione molto significativa da parte di ambasciatori e rappresentanti di governi di quella che sarà la Macroregione Adriatico Ionica. Questo èun risultato straordinario perché abbiamo già deliberato il Consiglio d'Europa, quindi, viaggiamo verso un'ipotesi concreta di grande cooperazione transnazionale all'interno di quest'area per la quale stiamo lavorando da tantissimi anni''.

Iorio sottolinea come sia stata raggiunto così "un risultato straordinario per il contributo che c'è stato sull'individuazione delle priorità da inserire nella prossima agenda europea”. “Oggi, inoltre, l'Euroregione Adriatica, nata da un'iniziativa proprio a Termoli - ha proseguito Iorio - si è allargata alle Regioni dello Ionio: Basilicata, Sicilia e Calabria''.