Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Al via il kick off meeting a Bari del progetto "ELISAA" (E-learning Innovation & Sustainable Albanian Agriculture), finanziato nell’ambito del programma Europeo Tempus (V call 2007-2013): a raccolta, giovedì 7 e venerdì 8 febbraio 2013, 10 partner albanesi (3 Università, 4 Camere di Commercio, l' Agency of Research, Technology and Innovation e la Confindustria Albanesi) e 4 partner europei (3 Università ed un SME).


Il meeting si terrà nell'aula "P.E. Cassandro" al terzo piano del Dipartimento di Studi Aziendali e Privatistici, scala "D" in Largo Abbazia Santa Scolastica, 53 (ex Via Camillo Rosalba). Il progetto “ELISAA” ha come obiettivo l'attivazione di un corso di formazione attraverso una piattaforma e-learning incentrato sullo studio delle opportunità derivanti dalla conversione delle biomasse forestali e dei residui agricoli in biocarburanti. Leader partner: Università degli studi di Bari Aldo Moro (Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici) con il coordinamento del Prof. Giovanni Lagioia.

Il programma Tempus finanzia la modernizzazione delle Università dei Paesi terzi non EU (Target Country) per contribuire alla creazione di un’area di cooperazione nel settore dell’istruzione Universitaria tra l’Unione Europea e i Paesi terzi non EU. Su un totale di 676 proposte progettuali inviate da tutto il mondo, sono stati ammessi a finanziamento solo 8 progetti a coordinamento Italiano, di cui il progetto dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro risulta essere l’unico ad essere stato approvato come beneficiario coordinatore da Firenze in giù. Tale risultato contribuisce significativamente ad affermare e confermare il ruolo internazionale dell’Ateneo barese.

Approfondimenti