Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

“Un momento di grande partecipazione e di grande significato per l’Italia e  il mondo”, così’ Vasco Errani, Presidente della Conferenza delle Regioni non appena appresa la notizia della avvenuta elezione del nuovo Pontefice. “Al nuovo Papa Francesco – ha detto il Presidente Errani - vanno gli auguri della Conferenza delle Regioni italiane e la vicinanza di tutte le comunità che rappresenta”.

“Papa Francesco? Credo sarà un rifondatore''. A dirlo all'Ansa  è il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, a margine della firma dell'accordo con il Ministero dei beni culturali per la valorizzazione e tutela del patrimonio culturale e paesaggistico pugliese. “Ho seguito con interesse totale e anche con una certa trepidazione lo sviluppo del conclave - racconta Vendola all'indomani dell'elezione del nuovo pontefice. - E mi sono fermato davanti alla fumata bianca, in attesa come milioni di persone. La notizia può cambiare il corso della storia. Per prima cosa - prosegue - ho percepito una scelta di profilo conciliare. Questo pontificato profuma di Concilio Vaticano II. La scelta di Bergoglio di chiamarsi Francesco è meno poetica di quel che possa apparire e credo alluda piuttosto al carattere rifondativo del poverello di Assisi. Mi ha colpito - conclude Vendola - il modo di porsi con il carisma del pastore che rompe il formalismo dei rituali ed è capace immediatamente di entrare nel cuore del popolo. Viviamo in un periodo talmente buio che questa possibile allusione a una Chiesa che sceglie il potere dei segni piuttosto che il segno dei poteri è apparsa un varco di luce”.