Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

L’Università della Terza Età (UTE) di Acquaviva delle Fonti opera da 14 anni nel campo della promozione socio-culturale delle persone in età adulta. Nel corrente anno accademico vanta 440 soci ordinari iscritti ai circa 50 corsi, tenuti da altrettanti docenti volontari. Oltre all’ordinaria attività didattica organizza durante l’anno vari seminari di studio su tematiche di attualità o per celebrare eventi e personaggi.

Uno spunto alla programmazione lo fornisce quest’anno l’Unione Europea con la promozione dell’Anno europeo che per il 2013 è dedicato alla “Cittadinanza europea” e con il conferimento del Nobel per la pace all’Europa (Oslo 10.12.2012)

È proprio su tale tematica che martedì 26 marzo si terrà ad Acquaviva delle Fonti  il prossimo seminario (ore 18,00 , Sala “Prof. Cesare Colafemmina” di Palazzo De Mari, sede del Municipio)

Relatore sarà il Prof. Ennio Triggiani, docente del Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari e Responsabile scientifico dello “Europe Direct Puglia”, Centro di Informazione creato dalla Commissione europea per fornire un agevole accesso alle informazioni in tutti i settori di attività dell'Unione Europea.

Le tematiche che l’UTE di Acquaviva affronterà in successivi corsi e seminari riguardano: La nascita e la struttura dell’Europa; l’Europa e i problemi dell’economia e della finanza; Europa, crogiolo di culture e popoli perché tramite la conoscenza si attivi il ruolo di cittadino europeo e si rafforza il senso di identità dell’adulto maturo e responsabile.