Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Si è tenuta nei giorni scorsi una visita del nostro Ambasciatore a Bucarest, Diego Brasioli, presso il centro di Frumosani, località in cui vive un'ampia comunità di etnia rom. La visita, organizzata dal gruppo di coordinamento dei Paesi europei "likeminded" sulla questione dell'integrazione dei rom (Spagna, Regno Unito, Francia, Svizzera, Austria, Italia, Olanda, Norvegia e Finlandia), ha permesso di verificare le difficoltà con cui si confronta quotidianamente la popolazione rom in Romania.

Dalle condizioni abitative precarie alla mancanza di una rete stradale, dagli alti tassi di abbandono scolastico al lavoro minorile: questi gli elementi evidenziati dai rappresentanti della comunità, che non ha mancato di auspicare che l'interessamento degli ambasciatori europei si traduca in un miglioramento delle proprie condizioni di vita.

La visita si inserisce nel crescente numero di iniziative sulla problematica condizione dei cittadini romeni di etnia rom, che sembra testimoniare un innalzamento dell'attenzione politica in materia e che si dovrebbe concretizzare nel rafforzamento dell'integrazione scolastica da parte delle autorità romene.

L'Italia continuerà a fornire alla Romania tutto il supporto necessario, affinché le istituzioni di Bucarest e le autonomie locali possano disporre dei più efficaci strumenti per attuare le norme di cui si sono dotati negli anni.