Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Una raccolta di modelli in varie lingue straniere – iscrizioni, liberatorie, richiesta di certificati – a disposizione delle scuole d’Italia, un aiuto concreto per rendere più facile il rapporto con la burocrazia per le famiglie straniere: è il progetto “Parlo la tua lingua”, nato dalla collaborazione tra il Ministero degli Esteri e il MIUR.

Un’iniziativa resa possibile dal contributo – in Albania, Belgio, Brasile e Cile – della rete delle Scuole Italiane all’estero gestita dalla Farnesina. Alunni, docenti e personale amministrativo hanno tradotto su base volontaria la modulistica in francese, albanese, spagnolo e portoghese. Sostenendo la piena integrazione degli alunni di madrelingua non italiana e avvicinando le famiglie al mondo dell’istruzione, “Parlo la tua lingua” contribuisce a promuovere il diritto all’educazione e i diritti del fanciullo, da sempre importanti obiettivi dell’azione politica italiana. Si tratta di un progetto aperto, destinato a crescere nel tempo grazie all’adesione di nuovi Istituti, e che contribuisce a rafforzare il legame tra le Scuole italiane all’estero e quelle sul territorio nazionale.

La naturale inclinazione bilingue e biculturale delle prime, infatti, si rivela un prezioso aiuto per favorire un’ulteriore apertura verso la realtà sempre più multiculturale delle seconde.

Il materiale del progetto “Parlo la tua lingua” è visibile sul sito del MIUR