Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

"La strategia europea nasce sul lavoro già condotto a livello UE con il libro bianco sull'adattamento ai cambiamenti climatici, del 2009, associato a un lavoro di consultazione con gli stakeholder europei condotto dalla Direzione Generale Clima della Commissione negli scorsi due anni.

Il dato che emerge - spiega Lorenzo Nicastro, Assessore alla Qualità dell'Ambiente della Regione Puglia - è preoccupante. In Europa la temperatura è cresciuta, nell'ultimo decennio, di 1,3 gradi rispetto al livello pre-industriale, dato che deve allarmare se si pensa che l'aumento della temperatura globale nello stesso periodo è stato di 0,8 gradi centigradi". Così l'Assessore Nicastro in relazione ai lavori della conferenza di lancio della Strategia europea di adattamento ai cambiamenti climatici, svoltasi a Bruxelles alla presenza della Commissaria europea al clima, Connie Hedegaar.

"È pertanto indispensabile che Stati membri, regioni, società civile e cittadini siano da un lato consapevoli della necessità di agire e dall'altro disposti, ciascuno, a fare la propria parte. La strategia europea mira, principalmente, a mobilitare gli stati membri per la redazione di una propria strategia nazionale di adattamento sulla base di informazioni complete in materia per orientare in modo consapevole le decisioni a livello di policy. Questo - prosegue Nicastro - permetterà l'integrazione del tema dell'adattamento ai cambiamenti climatici in tutte le politiche pubbliche".

"L'Unione europea - conclude Nicastro - mette a disposizione alcuni strumenti finanziari utili a raggiungere il risultato, tra cui i fondi strutturali, che sempre più dovranno integrare le preoccupazioni climatiche nella realizzazione degli interventi che beneficiano di risorse UE. Altre risorse giungeranno dal nuovo programma Life+ 2014-2020, che prevederà una sezione specifica (sottoprogramma) per l'azione contro i cambiamenti climatici e da Horizon 2020, il futuro programma europeo per la ricerca e innovazione, il cui compito sarà di finanziare studi che creino una solida base di conoscenze scientifiche indispensabili per supportare soluzioni innovative e sviluppare nuove tecnologie da utilizzare nella lotta al cambiamento climatico".