Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

L'Italia si conferma primo partner commerciale della Serbia. I dati sul primo quadrimestre 2013 mostrano il nostro paese nettamente al primo posto nell'interscambio con lo stato balcanico: le nostre esportazioni sono cresciute del 35,9 per cento e le importazioni del 103,4 per cento su base annua.

Inoltre, le quote di mercato italiane sono cresciute ulteriormente, raggiungendo quota 27,3 per cento, davanti alla Germania (23,2) e Russia (21,2). In Serbia, infatti, si registra un interesse crescente verso il nostro paese e i prodotti "made in Italy" su tutti i fronti.

A dimostrazione di questo, si è tenuto a Belgrado un seminario, organizzato da Confindustria e dalla Fiera Ecomondo di Rimini, dedicato alla tutela del patrimonio ambientale con uno sguardo in particolare alla difesa delle risorse idriche e del terreno e alla capacità di riciclare i rifiuti prodotti e ridurre l'inquinamento. All'evento, sostenuto dall'ambasciata italiana nella capitale serba, hanno partecipato circa 150 esponenti di aziende e di istituzioni centrali e locali dei due paesi.