Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il Ministro dei Beni e delle attività Culturali e del Turismo, Massimo Bray, lascia la Presidenza della Fondazione “La Notte della Taranta.” Al suo posto arriva Massimo Manera, tra i fondatori nel 1998 del Festival di Musica Popolare più importante d’Europa. L’Assemblea dei Soci (Regione Puglia, Provincia di Lecce, Unione di Comuni della Grecìa Salentina, Istituto “Diego Carpitella”) ha eletto ieri all’unanimità il nuovo Presidente.

Amministratore di lungo corso, già Sindaco e Presidente dell’Unione di Comuni della Grecìa Salentina, l’avvocato Massimo Manera ha contribuito alla crescita dell’evento che ha esportato il ritmo della pizzica dal Salento nel mondo.

“Ringrazio il Ministro Bray per il lavoro svolto in questi tre anni. La Fondazione con la Sua Presidenza ha raggiunto livelli di eccellenza sia in termini gestionali che di avanzamento dei processi culturali nati dalla riscoperta della tradizione musicale salentina”, dichiara il neo Presidente Massimo Manera. “Ringrazio tutti i Soci per la fiducia accordatami e il vicepresidente Dott. Raffaele Gorgoni che in questi mesi ha guidato egregiamente la Fondazione”.

“Ricerca, ascolto, innovazione, e paesaggio” sono le parole chiave del programma del nuovo Presidente. “La Fondazione è pronta a un ulteriore salto di qualità - annuncia Manera  - mentre i nostri bravi musicisti portano il ritmo della pizzica in luoghi lontanissimi del mondo, a noi spetta il compito di ripartire con una nuova sfida. Subito dopo il Concertone di Melpignano, avvieremo una fase di ascolto degli artisti, dei gruppi di riproposta della musica popolare salentina, delle associazioni che si occupano di difendere e diffondere la pizzica e la cultura popolare, degli operatori culturali. Insieme occorrerà trovare nuovi percorsi che possano ampliare l’offerta anche nella stagione invernale. La ricerca passa dall’innovazione.

“La Fondazione in collaborazione con l’Università del Salento - conclude Manera - dovrà poi stimolare un nuovo dialogo sul tema del paesaggio costruendo percorsi di conoscenza e consapevolezza che restituiscano l’antica bellezza. Anche per questo il Festival 2013 partirà da Taranto, città simbolo che oggi si interroga sulla sua vera identità”.