Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Riflettere su evoluzioni e prospettive dell’area del Mediterraneo, questo l’obiettivo del Forum su “Le energie del Mediterraneo”, organizzato dal CIHEAM – Centre International de Heutes Etudes Agronomiques Méditerranéennes e dallo IAMB – Istiututo Agronomico Mediterraneo di Bari. Appuntamento per venerdì 12 luglio 2013 alle 15.30, presso lo IAMB.

Ad aprire i lavori, lo storico Franco Cardini e Cosimo Lacirignola, direttore generale dello IAMB. L’idea guida è quella di avviare un confronto e un aggiornamento sulla situazione attuale dei mercati e delle filiere energetiche che interessano il Mediterraneo, visto come “koinè multiculturale e snodo strategico, attraversato dalle due grandi emergenze globali, quella energetica e quella alimentare”.

Al forum, coordinato da Debora Degl’Innocenti, Technical advisor del delegato Italiano al CIHEAM,  partecipano referenti delle principali aziende italiane impegnate negli investimenti energetici ed agroindustriali in un’area che da sempre è stata considerata ponte economico e culturale. Le conclusioni sono affidate a Gianni Bonini, delegato italiano CIHEAM e a Paolo De Castro, Presidente della Commissione Agricoltura al Parlamento Europeo.

 

Per i dettagli sui lavori del Forum consultare il programma