Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

"La Cooperazione italiana costituisce una realtà consolidata e continua a giocare un ruolo di primo piano per la presenza e gli interessi dell'Italia nel Corno d'Africa e in tutta la regione orientale." È quanto ha affermato il Vice Ministro Lapo Pistelli che ha appena concluso una missione in Uganda, Kenya, Gibuti e in cui ha dedicato anche un'attenzione particolare alla Somalia.

 

Pistelli ha visitato alcuni progetti di alto impatto e visibilità promossi o sostenuti dalla Cooperazione Italiana: tre iniziative realizzate in collaborazione con note ONG (CUAMM, AVSI e AMREF) in Uganda (rispettivamente l'ospedale e la scuola d'informazione infermieri di Matany e un centro di reintegrazione di donne e di loro figli affetti da HIV a Kampala), e in Kenya (un centro a favore dei bambini di strada, realizzato con AMREF a Dagoretti nei pressi di Nairobi).

Il Vice Ministro ha inaugurato, assieme alla Ministro keniana Charity Ngilu, un ambulatorio e una strada nel popoloso e degradato quartiere di Korogocho (Nairobi), nel quadro del programma italo-keniano di conversione del debito (circa 44 milioni su 10 anni). Nello stesso quartiere, Pistelli ha inaugurato la biblioteca del centro dei Padri Comboniani, finanziato da una fondazione bancaria italiana e a Gibuti ha visitato l'Ospedale di Balbala', una delle realizzazioni del programma bilaterale di conversione del debito e ha incontrato il suo omologo gibutino, Vice Ministro per gli Affari Esteri e la Cooperazione Internazionale, Ahmed Ali Silay.

"Le autorita' dei tre Paesi ci hanno espresso una grande soddisfazione per l'ampiezza e la qualità delle iniziative della Cooperazione italiana e hanno auspicato un rafforzamento dei rapporti con l'Italia anche in questo settore. È' ovvio che lo strumento della cooperazione rafforza l'amicizia, la collaborazione politica ed economica, il prestigio del nostro Paese da queste parti. Ciò dipende dalla qualità' dei progetti e delle persone che operano nelle ONG e ovviamente dipenderà in futuro anche dalla dotazione di risorse che il Parlamento saprà assicurare alla Cooperazione."

A Kampala e a Nairobi Pistelli ha avuto inoltre l'opportunità di incontri e di un interscambio cordiale e costruttivo con i rappresentanti delle ONG italiane, sulle problematiche e gli orientamenti di fondo della Cooperazione e sui processi e le maggiori scadenze internazionali dei prossimi anni sulle grandi problematiche dello sviluppo.

La Cooperazione sarà in primo piano anche nell'azione perseguita dal Governo italiano per la stabilizzazione e la ricostruzione della Somalia, come è emerso dagli incontri che il Vice Ministro ha dedicato a questo tema a Nairobi.