Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Ideata e organizzata dall’AIB (Associazione italiana biblioteche) si svolgerà in tutt’Italia, dal 27 settembre al 6 ottobre, la Giornata nazionale delle biblioteche. All’iniziativa, alla quale aderisce il Ministero degli affari esteri, partecipano le biblioteche degli Istituti italiani di cultura all’estero.

“Gli Istituti Italiani di Cultura – ha scritto l’Ambasciatore Andrea Meloni, Direttore Generale per la Promozione del Sistema Paese - possiedono raccolte librarie di pregio, spesso assai ragguardevoli per la peculiarità e la rarità dei titoli (prime edizioni, copie autografe, traduzioni in lingua straniera di testi italiani), che svolgono una funzione chiave nell’attività di promozione culturale degli istituti”.

BiblioPride 2013, che si concluderà  a Firenze, propone un ricco programma di iniziative, realizzate anche grazie alla collaborazione di musei e archivi italiani: visite guidate, laboratori didattici e letture per i più piccoli, dibattiti e tavole rotonde, presentazioni di libri.

“Desideriamo agire sull’immaginario collettivo di tutti gli italiani, per far riscoprire la ricchezza e le infinite possibilità delle biblioteche italiane, e nello stesso tempo affermare l’orgoglio di tutti i bibliotecari che svolgono con passione il loro lavoro al servizio della cultura” – sottolinea Stefano Parise, presidente nazionale AIB - “Vogliamo che il BiblioPride diventi un appuntamento di grande valenza culturale e civile. Serve richiamare l’attenzione delle istituzioni sul ruolo che un moderno ed efficiente servizio bibliotecario può giocare anche in dimensioni non consuete, come la promozione delle competenze digitali, le strategie di inclusione sociale, i diritti di cittadinanza’’.