Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il 2014, con le presidenze consecutive dell'Ue di Grecia e Italia, "sarà l'anno del Mediterraneo" per l'Europa: lo ha detto il Ministro Emma Bonino, al termine di un incontro alla Farnesina con il collega greco Evangelos Venizelos. "Tra noi ci sono eccellenti rapporti bilaterali, ma il focus dei colloqui è stato sulle due presidenze (greca nel primo semestre e italiana nel secondo), su vari temi e settori. Sul sud del Mediterraneo, ma anche sulla macroregione Adriatico-Ionica", ha affermato il ministro.

Italia e Grecia vogliono sottolineare che l'Europa "dev'essere crescita, opportunità, futuro e non solo austerità, che è uno strumento e non l'obiettivo", ha aggiunto il ministro. "Siamo determinati - ha spiegato - a far capire che il Mediterraneo non è un optional, ma rappresenta opportunità per tutta l'Europa. Non abbiamo soluzioni miracolose, ma possiamo imporre la priorità dell'attenzione per il mediterraneo. il sud non è un incidente geografico, ma un'opportunità". "Le elezioni in Germania non cambieranno la nostra posizione: noi non siamo contro la disciplina di bilancio, ma l'austerità è uno strumento e non il fine. Bisogna promuovere la crescita e la creazione di posti di lavoro".

"Dobbiamo ridare ai nostri popoli la speranza del sogno europeo", ha detto Venizelos, sottolineando che "con le nostre presidenze consecutive abbiamo l'opportunità di introdurre un parametro mediterraneo nella politica europea. Le nostre priorità saranno l'energia - con la nuova Tap, che è un nuovo legame geografico tra i due paesi - sicurezza dei confini, immigrazione, e naturalmente la proclamazione della macroregione Adriatico-Ionica". Per il ministro degli Esteri e vicepremier greco il parametro mediterraneo ''non è una opzione politica. Dobbiamo accettare il nostro comune destino che è europeo e mediterraneo e riaprire la discussione su crescita, coesione sociale, lavoro e la qualità storica del nostro continente''.