Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Eventi imperdibili e davvero extra-ordinari animeranno la Notte dei Ricercatori, che si terrà il 27 settembre in 33 paesi dell'UE e limitrofi. Dall’Irlanda a Israele, in 300 città diverse i ricercatori condivideranno con il pubblico la loro passione per la scienza. Per il 2013 il progetto coinvolge in Italia 7 progetti per un totale di 31 città.

Per fare alcuni esempi,  i ricercatori di  Atene faranno levitare un mini treno tenendolo in movimento, mentre quelli di Düsseldorf hanno creato un dispositivo virtuale in grado di trasformare una persona in una star dell'opera in grado di competere con Placido Domingo; a Zagabria si potrà scoprire  se il film di Stanley Kubrick Odissea nello spazio è qualcosa di più della semplice fantascienza; mentre a Porto ci si potrà cimentare nel risolvere un misterioso omicidio.

E non è tutto: i ricercatori di Santander dimostreranno come la fisica possa aiutare i surfisti a prendere le onde più grandi, mentre I visitatori di Perugia incontreranno Le(g)onardo, un robot ritrattista fatto di LEGO.  La scienza è da urlo insomma, e lo dimostrerà il pubblico a Poznan, che cercherà di battere un record di decibel con l'urlo collettivo più rumoroso.

L’anno scorso la Notte dei Ricercatori ha attirato oltre un milione di visitatori, tra cui 600 000 bambini. L’obiettivo è scoprire la scienza in maniera ludica e promuovere la carriera di ricercatore. Il pubblico potrà partecipare ad esperimenti e spettacoli scientifici interattivi e potrà provare le apparecchiature in laboratori di ricerca, accedere ai quali solitamente non è consentito.

"I bambini sono curiosi e creativi per natura e la Notte dei Ricercatori è un ottimo modo per dimostrare loro che la scienza è cool. Chissà, magari potrebbe anche incoraggiare alcune ragazze ed alcuni ragazzi a diventare brillanti scienziati del futuro", ha detto Androulla Vassiliou, Commissaria europea per l'Istruzione, la cultura, il multilinguismo e la gioventù.

La Notte dei Ricercatori è sostenuta dalla azioni Marie Curie dell’UE.  

Per dettagli sugli eventi organizzati in Italia vedi il sito http://www.nottedeiricercatori.it/

Per dettagli sugli eventi organizzati in Europa consulta il sito della Commissione Europea