Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Gli enti locali devono lavorare per permettere di consolidare il progetto europeo. È l'invito rivolto dal Presidente della Commissione europea, Josè Manuel Barroso, in occasione della cerimonia inaugurale degli Open Days 2013 - 11a Settimana Europea delle Regioni e delle Città, iniziativa promossa dalla Commissione Europea  e dal Comitato delle Regioni , che si tiene a Bruxelles dal 7 al 10 ottobre 2010.

“Voi - dice Barroso rivolgendosi ai partecipanti – siete leader politici, ma quando siete eletti non diventate solo leader delle vostre città, delle vostre province e delle vostre regioni. Siete anche leader europei”. Per Barroso ciò deve essere tenuto a mente, dato che ''l'Europa non si costruisce solo a Bruxelles, si costruisce anche attraverso i vostri governi locali”. Le strategie comunitarie, aggiunge Barroso, “potranno funzionare solo se ognuno si assume le proprie responsabilità”. Ciò, evidenzia, significa ''anche la partecipazione delle regioni e dei governi locali''.

Le Regioni e gli enti locali vanno considerati come parte integrante delle politiche comunitarie e non come capitoli di spesa all'interno di esercizi di bilancio, ha aggiunto il presidente della Commissione europea. “Non voglio una politica regionale separata da tutto il resto, un qualcosa per cui erogare soldi e basta. Altrimenti si rischia che questi soldi vengano spesi male”.

“In un momento in cui ci sono forze populiste ed euroscettiche occorre che le regioni e gli enti locali si adoperino per spiegare cosa si sta facendo. Dobbiamo essere critici, ma va lanciato un messaggio positivo”, ha detto Barroso. Poi ha preannunciato: “mercoledì (9 ottobre, ndr) sarò a Lampedusa per esprimere la nostra solidarietà a nome dell'Unione europea. Il nostro ruolo è stare vicino alle realtà locali dell'Europa'', e mercoledì, aggiunge, “sarò a dire che occorre fare di più a livello europeo per rispondere a situazioni come questa'' avvenuta a Lampedusa.