Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Un network internazionale per lo sviluppo delle piccole e medie imprese dell’area euro-mediterranea che, nonostante la crisi, hanno dato comunque segni di vivacità ai quali occorre andare incontro. È questa la finalità principale della fondazione Centro Euro-Mediterraneo per le Pmi, o EMDC (Euro-Med Development Center for Micro, Small and Medium Enterprises) vera e propria rete di sostegno tecnico e logistico per i piccoli e medi attori economici del Mediterraneo.

Il Centro-Euro Med è stato presentato nei giorni scorsi alla Camera di Commercio di Milano – Promos in un evento presenziato, tra gli altri, dal Ministro degli Esteri Emma Bonino ed è stato costituito dalla Camera di Commercio di Milano, dal Ministero degli Affari Esteri e dal Ministero dello Sviluppo Economico con il Gruppo Unicredit e Banca Intesa Sanpaolo che hanno già annunciato la loro adesione in qualità di "sostenitori".

Obiettivo del progetto, che si inquadra nella "diplomazia economica" tracciata dalla Farnesina anche in altre aree del mondo, è garantire servizi e strumenti di assistenza tecnica utili alla nascita di start-up imprenditoriali innovative e sostenibili, alla creazione di impiego, alla promozione della cooperazione economica e dello sviluppo e dell'internazionalizzazione tra le due sponde del mediterraneo.

Ventuno le agenzie pubbliche e private partner del Centro Euro-Med, localizzate in dieci Paesi dell’area, dalla Tunisia alla Serbia, dall’Egitto al Libano, dal Marocco alla Giordania. E il progetto ha ottenuto il riconoscimento ufficiale da parte dei 43 Paesi dell’Unione per il Mediterraneo, dalla Commissione Europea e dalla Lega Araba, in quanto iniziativa di interesse per la promozione dello sviluppo socio-economico nella regione euro-mediterranea. Anche perché, nonostante le difficoltà legate alla crisi economica e all’instabilità politica che coinvolge soprattutto alcune aree del Nordafrica, i riscontri economici emersi negli ultimi tempi sono positivi.

Secondo i dati del servizio studi della Camera di Commercio, l’export verso i Paesi del Mediterraneo, nei primi 6 mesi del 2013, è stato pari a 5,2 miliardi di euro mentre l’import, nello stesso periodo ha registrato 2,8 miliardi di euro segnando rispettivamente, una crescita de 3,1% e del 2,9% rispetto al semestre dell’anno precedente.