Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Al via il confronto sulle linee strategiche del Forum delle Camere di Commercio dell'Adriatico e dello Ionio (Aic) e sul contributo che il sistema camerale porterà alla definizione della Strategia europea per la regione Adriatico-Ionica (Eusair). I presidenti delle Camere di Commercio italiane associate al Forum si incontreranno ad Ancona l'8 novembre.

Si tratta degli enti camerali di Ascoli Piceno, Bari, Brindisi, Campobasso, Fermo, L'Aquila, Macerata, Matera, Pesaro, Pescara, Ravenna, Rimini, Teramo, Trieste, Udine e delle Unioni regionali marchigiana, veneta e calabrese. Anche sulla scorta dell'apporto delle Camere di Commercio verrà approvato e presentato entro la fine del 2014 il Piano di Azione della Eusair, sul quale si fonderà la costituzione della Macroregione Adriatico Ionica.

Considerate tra gli stakeholder più importanti per lo sviluppo economico del territorio, le Camere di commercio dovranno esprimere la propria posizione su alcune politiche e su alcuni temi strategici per la neo-costituenda Macroregione, nell'ambito regionale di riferimento, ma anche a livello nazionale e di area vasta. All'incontro di venerdì saranno presenti l'ambasciatore Fabio Pigliapoco, segretario generale dell'Iniziativa Adriatico Ionica, Claudio Gagliardi, segretario generale di Unioncamere Italia, Adriano Federici, presidente di Unioncamere Marche.(ANSA).