Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Con atto dirigenziale n. 1045/2013 è bandito, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico regionale, il concorso di idee per completare la campagna di comunicazione e sensibilizzazione “Troppo amore: sbagliato”, riservato agli studenti e alle studentesse delle scuole secondarie di II grado di Puglia. 

La campagna di comunicazione è una delle attività in cui si concretizza il Percorso di lavoro per la realizzazione di azioni di prevenzione e contrasto alla violenza sulle donne, nell’ambito delle Leggi regionali 19/2006 e 7/2007, approvato con delibera di giunta n. 1705 del 17 settembre 2013.

Lo schema di Concorso di idee è riportato in Allegato 1 alla citata determina della dirigente del Servizio Politiche per il Benessere sociale e le Pari Opportunità, mentre lo schema di domanda di adesione al concorso è in Allegato 2, documenti pubblicati nel Bollettino ufficiale regionale n. 152 del 21 novembre 2013.

Gli elaborati, presentati secondo le modalità dettagliatamente indicate nello schema di Concorso, dovranno essere inviati al Servizio Politiche di Benessere Sociale e Pari Opportunità dell’Assessorato al Welfare della Regione Puglia - Via Gentile 52, I piano Corpo E1, entro e non oltre il 31 gennaio 2014. Fa fede il timbro postale.

Il bando e la domanda di partecipazione al concorso di idee possono essere consultati e scaricati dal sito www.pariopportunita.regione.puglia.it.

Per approfondimenti, consulta la Deterninazione dirigenziale n. 1045/2013