Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Si terrà ad Atene, il 6 e 7 febbraio 2014, la Conferenza degli stakeholder per discutere della futura strategia europea per la Macroregione adriatico-ionica, promossa per iniziativa congiunta della Commissione europea e della Presidenza greca del Consiglio dell’Unione europea. L’appuntamento è presso il Divani Caravel Hotel. Punto di partenza su cui costruire le nuove dinamiche di intervento sarà la strategia marittima per l’Adriatico e lo Ionio, adottata dalla Commissione a partire da novembre del 2012, integrata con l’esperienza maturata nella gestione delle politiche macro-regionali delle aree del Mar Baltico e del Danubio.

Otto i paesi coinvolti: quattro Stati membri UE – Croazia, Grecia, Slovenia, Italia – e quattro non UE – Albania, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Serbia. I settori di interesse toccati dagli interventi sono quelli cruciali per l’economia regionale: gestione innovativa del settore marittimo e sviluppo della marina, collegamento della regione, salvaguardia, tutela e miglioramento della qualità ambientale, sviluppo dell’attrattività regionale.

Durante la conferenza saranno presentati i risultati della vasta consultazione che si è svolta fino a dicembre 2013 insieme con la consultazione pubblica lanciata dalla DG REGIO. Ai fini poi dell’elaborazione del futuro piano di comunicazione e delle strategie d’azione, che la Commissione dovrà presentare entro la fine del 2014, sarà promosso un dibattito sulle sfide che potranno essere intraprese secondo un approccio macro-regionale.

Per informazioni sull’EUSAIR