Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Sarà la prima occasione per avviare un dialogo tra tutti i soggetti interessati e coinvolti nel progetto Adriplan – ADRIatic Ionian maritime spatial PLANning), la conferenza transnazionale prevista per il 28 febbraio a Rijeka, in Croazia e incentrata sulla necessità di una pianificazione dello spazio marittimo adriatico-ionico. Un tema cruciale nella prospettiva sempre più attuale della promozione di un uso efficiente e sostenibile dei mari e delle loro risorse, in un momento in cui la cosiddetta “Blue Economy” nella regione Adriatico-Ionica garantisce un fatturato annuo di oltre 21 miliardi annui, con un trend di crescita in aumento.

ADRIPLAN è un progetto pilota, finanziato dalla Commissione Europea (DG MARE), proprio per arrivare alla definizione di un MSP - Maritime Spatial Planning che possa essere utilizzato direttamente da pubbliche amministrazioni, operatori economici e cittadini interessati. L’obiettivo è cercare di prevenire eventuali conflitti nell’utilizzo delle risorse del mare, cercando al contempo di riequilibrare quelli già esistenti con l’aiuto di una corretta pianificazione e in nome del comune interesse e della valorizzazione di sinergie e opportunità.

Avviato a dicembre del 2013, ADRIPLAN ha una durata prevista di 18 mesi e coinvolge, tra i partner i principali, istituti di ricerca a livello di amministrazione regionale e locale. L’evento del 28 febbraio prende il via dai risultati della consultazione EUSAIR che di recente si è tenuta presso la Commissione Europea. L’incontro coinvolge i rappresentanti della Commissione europea e delle Pubbliche Amministrazioni dei Paesi della Regione adriatico-Ionica, i referenti della comunità scientifica, le autorità nazionali ed europee, e soggetti privati, imprese ed organizzazioni della società civile.

Qui la icon agenda dei lavori (927.05 kB) ed il icon flyer (628.77 kB) di presentazione del progetto