Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Si apre oggi alla Farnesina la ''Women in Diplomacy Winter School''. Sono arrivate infatti in Italia venti giovani donne leader sotto i 35 anni, provenienti da Egitto, Iraq, Israele, Giordania, Kuwait, Libano, Libia, Marocco, Oman, Palestina, Tunisia, Turchia e Yemen, impegnate in un percorso di formazione. Organizzata dal Ministero degli Esteri e dalla Siou, in collaborazione con l'Ispi, questa seconda edizione si tiene a Roma e a Milano dal 2 all'8 marzo con l'obiettivo di ''contribuire a formare la prossima generazione di leader femminili in un'area di particolare rilievo per l'Italia''.

La Winter School 2014 sarà inaugurata dal segretario generale, ambasciatore Michele Valensise, e vede, tra gli altri, la partecipazione di Marta Dassù, direttore di Aspenia; Franco Frattini, presidente della Sioi; Vlora itaku, ministro dell'Integrazione europea del Kosovo; Henryka Mocicka-Dendys, sottosegretario di Stato agli Esteri polacco e Moushira Khattab, ex ministro egiziano della Famiglia e della Popolazione.