Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Vengono da Sofia e Lagos le due vincitrici per le scuole all'estero delle Olimpiadi di italiano. A salire sul podio, dopo la finale 'giocata' a Palazzo Vecchio a Firenze, sono state la bulgara Elena Kostova del Liceo bilingue Gorna Banja di Sofia, per la sezione triennio, e la nigeriana Ibinabo Kilali David-West della scuola paritaria Enrico Mattei di Lagos, per il biennio. In palio per loro un soggiorno studio in autunno presso l'Accademia della Crusca a Firenze.

Medaglia d'argento alle studentesse Arianna Scalone della scuola statale di Madrid e Sessen Daniel Iohannes della scuola statale di Asmara.

L'edizione di quest'anno ha registrato un notevole aumento delle adesioni delle scuole all'estero, grazie anche all'apertura dell'iniziativa alle scuole straniere ed europee. Quest'anno hanno partecipato 568 studenti provenienti da 32 scuole, rispetto alle 13 dello scorso anno, distribuite in 20 diversi Paesi, tra cui 4 scuole statali, 13 scuole paritarie, una scuola europea, 14 sezioni italiane presso scuole straniere o internazionali.

La finale è stata inserita nell'ambito delle Giornate della Lingua italiana che quest'anno aveva in programma le celebrazioni in ricordo del poeta Mario Luzi, nel centenario della sua nascita, dei cinquecento anni del 'Principe' di Machiavelli e dell'anniversario della nascita di Galilei, avvenuta 450 anni fa. Il concorso è indetto dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, con il patrocinio e il supporto organizzativo del Comune di Firenze, la collaborazione della Farnesina e la supervisione scientifica dell'Accademia della Crusca e dell'Associazione per la Storia della Lingua Italiana.