Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Da qualche giorno l'Italia e la Bosnia sono più vicine grazie all'attivazione di voli diretti tra Roma e Mostar, che "offre nuove opportunità di sviluppo per la regione e conferma il rapporto speciale che lega il nostro paese a questa sponda dell'Adriatico". Lo ha fatto sapere l'ambasciata italiana a Sarajevo in una nota. "Commercio, turismo, cultura - prosegue il testo - in tutti questi settori l'Italia è ai primi posti in Bosnia con numeri destinati a salire anche grazie ai nuovi collegamenti aerei su Mostar".

Il volo inaugurale della tratta si è tenuto il 17 aprile, alla presenza del direttore dell'Aeroporto di Mostar, Marin Raspudic, del sindaco della citta', Ljubo Beslic, e del direttore commerciale di MistralAir Mark Camilleri. Sarà, infatti, questa compagnia - del Gruppo Poste Italiane - a operare voli di linea tra Roma e Mostar, in programma ogni lunedì e giovedì.

La tratta si aggiunge ai collegamenti diretti già attivi tra Mostar, Bari e Napoli, nonché ai numerosi voli charter sui maggiori scali italiani. Un ulteriore ampliamento dell'offerta è in corso di valutazione da parte della compagnia aerea italiana, principale partner dell'Aeroporto di Mostar.

Un milione di turisti italiani e pellegrini visitano ogni anno la Bosnia Erzegovina e, in particolare, il santuario di Medjugorje. Alla luce della forte presenza italiana nella regione, sono state avviate le procedure per l'istituzione di un consolato onorario a Mostar.