Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Cerca un’identità ed un posto nel mondo, la Macedonia, in bilico tra un passato da rimuovere e uno da risvegliare. Va verso una svolta che fa leva sulla cultura e che annuncia che i tempi sono maturi per “ricostruire un’identità teatrale forte e autentica”. Protagonista di questo percorso è il nuovo Teatro Nazionale Macedone, come sottolinea Franco Ungaro, direttore artistico progetti internazionali dei Cantieri Teatrali Koreja ed autore di un interessante articolo pubblicato sulla rivista Hystrio: “Viaggio nella Heimat macedone, crocevia tra Adriatico e Mar Nero”.

Animato dall’ambizione di diventare l’avamposto culturale per l’area adriatica e il Sud Est d’Europa, il Teatro nazionale è la rappresentazione di una scena artistica più che mai dinamica e vitale.

Qui icon l'articolo di Franco Ungaro (180.36 kB)