Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Si rafforzano sempre di più le relazioni commerciali tra Italia e Romania: nel primo bimestre 2014, sono state registrate 282 nuove imprese italiane nel Paese dell'Europa orientale, 136 a gennaio e 146 a febbraio. E' quanto riferito dall'Istituto nazionale di statistica romeno. A febbraio l'Italia e' risultata al terzo posto per capitale sociale sottoscritto, con una quota pari al 9,6% del totale, dopo Francia e Polonia.

I due Paesi hanno un'importante tradizione al livello di scambi commerciali: da oltre 10 anni, l'Italia continua ad essere il principale investitore per numero di aziende registrate (circa 37.000). Il capitale italiano in Romania è attualmente di circa 1,6 miliardi di euro.

Solo nel 2013 sono state costituite circa 2mila nuove societa' a partecipazione italiana, pari al circa 30% del totale delle nuove registrazioni a partecipazione estera. Del totale degli investimenti esteri diretti in Romania, alla fine del 2012, il valore complessivo degli investimenti italiani era pari a 2,9 miliardi di euro, con un peso del 5% del totale.