Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

In Finlandia stanno spopolando, in Africa pure: l'Helsinki Cotonou Ensemble aprirà mercoledì 4 giugno il Festival dei Popoli ad Acquaviva delle Fonti. Il gruppo musicale misto del Benin e della Finlandia, suonerà nell'evento "La cipolla Rossa abbraccia il continente nero", nell'ambito del progetto artistico "Cuore di Banda", con la supervisione di Daniele Trevisi. "La Cipolla rossa incontra il Continente nero" è una manifestazione che vede la collaborazione delle amministrazioni comunali di Acquaviva e di Sannicandro con l'Associazione Kirikù e la Strega Povertà di Sannicandro.

Obiettivo: aiutare i coltivatori di un villaggio dell'Uganda a coltivare una varietà della cipolla rossa autoctona del tutto simile a quella di Acquaviva delle Fonti.

Il programma, presentato il 13 maggio ad Acquaviva a Palazzo de Mari, nel Convegno "L’innovazione in agricoltura", prevede il trasferimento del know-how pugliese nella produzione agricola, l’inserimento in filiera delle produzioni locali e la donazione di macchine agricole per permettere alle coltivazioni ugandesi di migliorare in termini di qualità e quantità. Il coordinamento e l’attuazione del progetto sono affidati alla Provincia dell’Ordine dei Frati Minori della Provincia di San Francesco in Africa, Madagascar e Mauritius, guidata dal pugliese Padre Carmelo Giannone e dalla Parrocchia di Rushooka (Uganda).

In prospettiva, l'iniziativa umanitaria, nata all'interno del coordinamento dei comuni che aderiscono al manifesto "Il Cuore di Puglia per Expo 2015", prevede anche il coinvolgimento dell'Istituto Agronomico del Mediterraneo per progetti di ricerca per sostenere la qualità delle produzioni agricole.