Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il primo volo commerciale di un idrovolante in Croazia è partito oggi dal nuovo idroporto a Resnik, in Dalmazia, che si trova a poche centinaia di metri dall'aeroporto di Spalato, per collegare la terraferma con l'isola di Hvar, nota destinazione turistica croata. Si tratta di un investimento della società European Coastal Airlines (Eca), che dopo anni di tentativi ha ottenuto ieri l'ultimo via libera necessario dalle autorità croate.

 

In un primo periodo è previsto solo questo collegamento diretto tra l'aeroporto di Spalato e Jelsa, sull'isola di Hvar. Il volo dura 13 minuti, contro le circa tre ore in traghetto, e l'idrovolante che opererà quattro volte al giorno può accogliere 19 passeggeri. La compagnia intende mantenere i voli anche d'inverno prevedendo che, dati i prezzi ragionevoli (tra i 30 e i 40 euro), del servizio usufruirà anche la popolazione locale, e non solamente i turisti.

La Eca ha annunciato che nelle prossime due settimane dovrebbe introdurre voli anche tra Spalato e l'isola di Rab (nel nord Adriatico), Pola (in Istria) e Ancona. Se il progetto si dimostrerà economicamente sostenibile, l'anno prossimo sono previsti collegamenti con altre quattro isole, conosciute località turistiche croate.

Finora la compagnia ha investito 10 milioni di euro e assunto 55 dipendenti, che dovrebbero salire a 200 nei prossimi due o tre anni. (ANSAmed).