Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Giunge alla decima edizione il Rapporto “La finanza territoriale in Italia” realizzato da SRM, IRES, IRPET, EUPOLIS, IPRES e LIGURIA RICERCHE, che sarà presentato venerdì 5 dicembre 2014 a Bari, presso l'Università degli Studi di Bari "Aldo Moro" (h. 9,15), con la collaborazione della Conferenza delle Regioni e dell’AISRE-Associazione Italiana di Scienze Regionali.

Ad aprire la giornata il Sindaco di Bari, Antonio Decaro e il Presidente IPRES, Vito Sandro Leccese. Previsti, nelle due sessioni di lavori, gli interventi di Leonzio Rizzo dell’Università di Ferrara e di Federica Pica dello Svimez, che condurranno la discussione a margine della presentazione della prima parte del rapporto, “Fatti e dinamiche degli Enti territoriali italiani”.

Roberto Camagni del Politecnico di Milano e Vito Peragine, dell’Università di Bari, membro del Comitato tecnico-scientifico IPRES, discuteranno invece della seconda parte del rapporto, relativa al tema:  “Città metropolitane: nuovo livello istituzionale e realtà urbana e territoriale da governare”.

A conclusione i contributi di: Valerio Vacca,  Divisione Analisi e Ricerca Economica Territoriale sede di Bari della Banca d’Italia; Angelosante Albanese, Direttore Area Finanza e controlli Regione Puglia; Luigi Perrone, Presidente ANCI Puglia. Chiuderà i lavori Francesco Lorusso, Presidente della Sezione giurisdizionale della Corte dei Conti per la Puglia.

Per motivi organizzativi è necessario confermare la propria adesione compilando il form a questo link