Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Nonostante la caduta del turismo nell'area mediterranea, provocata dalla primavera araba e dalla crisi economica, le prospettive per la regione è che aumenterà fra l'80% e il 100% il numero attuale di turisti nel 2025. È quanto ha assicurato il presidente dell'Associazione delle Camere di commercio e industria del Mediterraneo (Ascame), Mohamed Choucair, dopo il Forum sul Turismo nel Mediterraneo (Meditour), celebrato a Barcellona nell'ambito dell'ottava edizione della Settimana mediterranea dei leader economici.

Secondo Chiucair, le prospettiva "sono buone" e i flussi turistici verso l'area saranno alimentati dall'apertura ai nuovi mercati, come quelli della Cina e dell'India. Il presidente di Ascame ha sottolineato le priorità per lo sviluppo del settore, che sono la sicurezza e i servizi.

Nel corso del forum, Michael Frenzel, il presidente dell'associazione WTTC, che riunisce 130 grandi compagnie del settore turistico privato, ha rilevato la necessità di promuovere, nei prossimi anni, il turismo del Mediterraneo come regione, con la creazione di un marchio specifico unico, perché i viaggiatori, soprattutto provenienti dai Paesi asiatici, possano avere un'offerta globale delle varie destinazioni dell'area. (ANSAmed)