Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Diciotto esempi di successo a livello internazionale, 18 pratiche agroalimentari in grado di garantire sicurezza alimentare e sostenibilità ambientale: sono le ”Best Sustainable Development Practices” di Feeding Knowledge, il programma di Expo Milano 2015 che diffonde le migliori soluzioni scientifiche in campo agricolo e nutrizionale.

 

Tra le 18 ”best practices” risultate vincitrici, 5 riguardano progetti finanziati dalla Cooperazione italiana: si tratta del progetto ”Caffè y Cafè” in Guatemala, realizzato dalla Dgcs in partenariato con Iao e Iila; del progetto ”Africa Milk Project”, frutto del partenariato Dgcs-Cefa-Granarolo; il progetto ”Razionalizzazione dei sistemi di irrigazione a Ras El Ain e uso razionale delle risorse naturali per migliorare la produzioni agricola”, realizzato in Siria in partnership con lo Iamb di Bari; il progetto ”Amaranto” in Argentina, in collaborazione con l’Ong Cipsi; il progetto ”Conservazione e gestione del Parco Nazionale Lampi” in Myanmar, frutto della partnership con l’Ong Oikos.

Le pratiche risultate vincitrici sono state annunciate dal Principe Alberto di Monaco, presidente della Giuria Internazionale, e dal Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali con delega per Expo 2015, Maurizio Martina, Vice Presidente della Giuria Internazionale. Scelte tra 786 proposte, presentate nella call internazionale lanciata dalla società Expo 2015 e selezionate da una giuria internazionale, le 18 ”Best Sustainable Development Practices” selezionate da Feeding Knowledge abbracciano l’intero pianeta.

Per la precisione sette progetti sono stati selezionati in Africa, sei in Asia, tre nelle Americhe e due in Europa, tutti esempi di pratiche agroalimentari al tempo stesso efficaci e sostenibili. ”Garantire la sicurezza alimentare ed eliminare la fame sono obiettivi raggiungibili – ha commentato il Principe Alberto di Monaco - a condizione che ci sia un impegno politico chiaro e concreto in tutto il mondo”. ”Il progetto sulle ‘Best Sustainable Development Practices’ – ha aggiunto il Ministro Martina – tocca il cuore del grande tema espositivo: nutrire il Pianeta innanzitutto attraverso la conoscenza delle buone pratiche, dei progetti concreti, delle azioni utili ”.

Feeding Knowledge è il Programma lanciato tre anni fa da Expo Milano 2015 per far conoscere e divulgare le migliori soluzioni scientifiche su sicurezza alimentare e sviluppo sostenibile, affinché possano diventare un modello per tutte le nazioni del mondo, a livello ambientale, sociale e produttivo. Le 18 ”Best Sustainable Development Practices” riguardano progetti realizzati in ogni parte del mondo, andando dalla gestione dei pascoli in Mongolia, alla coltivazione del caffè in Guatemala, da sistemi innovativi di irrigazione in Siria alle banche alimentari per indigenti in tutta Europa. I soggetti coinvolti sono di volta in volta governi nazionali, Ong o cooperative agricole.

”Le ‘Best Practices’ vincitrici – si è complimentato Giuseppe Sala, Commissario Unico delegato del Governo per Expo Milano 2015 - saranno protagoniste all’interno del Padiglione Zero, insieme agli autori dei progetti che assumeranno il ruolo di testimoni di Expo Milano 2015”. Raccolte in reportage video e fotografici, le 18 ”Best Sustainable Development Practices” selezionate da Feeding Knowledge saranno presentate ai visitatori dell’Esposizione Universali all’interno del Padiglione Zero.