Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Terrorismo internazionale e libertà di stampa. Al lavoro la giura del concorso “Giornalisti del Mediterraneo” per individuare i vincitori della 7°edizione. Anche quest’anno, tanti i reportage giunti alla segreteria organizzativa. In competizione, le più prestigiose testate nazionali e internazionali.

Solo per citarne alcune: la BBC, La Stampa, Il Giornale, Rai, Mediaset, Sky, L’Espresso, La 7, Internazionale, Agenzia Agi, Corriere della Sera, l’Eco di Bergamo, Reset, Linkiesta.

Oltre al lavoro della giuria, presieduta da Lino Patruno, il comitato scientifico ha attribuito i premi “Caravella del Mediterraneo” che saranno assegnati il 12 settembre 2015, assieme ai vincitori del concorso giornalistico, nel borgo medioevale a Otranto, presso Largo Porta Alfonsina.
Quest’anno i premi “Caravella” sono stati assegnati a Giovanni Maria Vian (Direttore Osservatore Romano); Carlotta Sami (Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati); Leo Brincat (Ministro dell’Ambiente del Governo di Malta); Dana Manuela Constantinescu (Ambasciatrice di Romania in Italia); Daniele Mancini (Ambasciatore italiano alla Santa Sede); Giovanni Castellaneta (Già Ambasciatore Italiano a Washington e Presidente Sace); Dario Carella (Vice Direttore TGR Rai); Andrea Maresi (Agcom); Paolo Di Giannantonio (Rai Tg1); Hassane El Guennouni (Hespress); Veronica Gervaso (Mediaset). E infine, un autorevole riconoscimento alla Marina Miliare per l’Operazione Mare Nostrum e il contributo che ha rappresentato nella tutela e la salvaguardia della vita umana nel Mediterraneo. A rappresentare la Marina  il Contrammiraglio Enrico Pacioni, Direttore dell’ufficio Pubblica informazione e comunicazione. E’ una novità, dunque, la partecipazione al concorso giornalistico di un reportage realizzato dall’agenzia foto-video della Marina, nel quale si incontrano arte visiva e musicale in un connubio perfetto per informare e formare alla cultura del dialogo e dell’accoglienza, in sintesi alla cultura del Mare.