Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Sarà inaugurata il 23 luglio p.v. alle ore 18.00, presso l’ex Monastero degli Olivetani a Lecce, sede del Dipartimento di Storia Società e Studi sull’Uomo dell’Università del Salento, la mostra storico-documentaria dal titolo “Il sogno italiano. L’esodo albanese e l’immigrazione del sec. XXI”.

L’iniziativa, a cura di Carmelo Pasimeni, Antonio Bonatesta, Daniela De Lorentiis, intende approfondire e inquadrare lo sbarco degli albanesi tra il 1990 e il 1991 sulle coste pugliesi, in una riflessione di lungo periodo sulle migrazioni e il Mediterraneo nel XXI secolo.

Alla cerimonia di inaugurazione interverranno: Vincenzo Zara, rettore Università del Salento;  S.E. Neritan Ceka, ambasciatore d’Albania in Italia; Sebastiano Leo, assessore alla Formazione e Lavoro - Regione Puglia; Vitantonio Gioia, direttore Dipartimento di Storia, Società e Studi sull’Uomo - Università del Salento; Klodiana Cuka, presidente Integra onlus; Ergys Gezka, presidente ASAL Student.

La mostra rappresenta l’evento conclusivo di un progetto di cooperazione più articolato sull’esodo albanese  - realizzato con il contributo finanziario della Regione Puglia (L.R. 20/2003) - che  tra le altre, ha portato alla realizzazione, a Otranto nel maggio 2011, di un Convegno di studi “Il sogno italiano. Albania - Puglia: vent’anni dopo (1991 - 2011).