Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

378 progetti presentati per la prima call del programma Urban Innovative Action. Italia in testa con 104 progetti presentati, a seguire Spagna con 72 e Grecia con 27. Il tema progettuale più gettonato è stato lavoro e competenze nell'economia locale con 124 progetti.

A seguire 113 progetti per l'efficientamento energetico, 91 per il tema povertà urbana e solo 50 per la sfida integrazione dei migranti e dei rifugiati. La progettazione segue di pari passo i cambiamenti socio-economici che l'Europa sta attraversando in questo periodo: la Germania e l'Austria, i due stati in Europa che hanno il maggior numero di richieste di asilo politico, hanno concentrato la loro attenzione su progetti che riguardano i migranti e i rifugiati, mentre c'è un grande interesse per Italia, Spagna, Grecia e Portogallo, a progettare in ambito di lavoro e competenze per abbattere il tasso di disoccupazione.

Il bando ha una dotazione di 80 milioni di euro e la media del budget richiesto per i progetti presentati è stata di 3.7 milioni.

Per maggiori informazioni: Identify and test innovative solutions for sustainable urban development