Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Contribuire al rilancio del processo europeo iniziato 60 anni fa, proponendo una riflessione sui traguardi raggiunti e sulla necessità di una maggiore integrazione: è l’obiettivo della Tavola rotonda “La Pace: scommessa vincente dell’integrazione europea” promossa in occasione del 60° anniversario della firma dei Trattati di Roma dal Dipartimento di Scienze Politiche, in collaborazione con il Centro di Documentazione europea, lo Europe Direct Puglia, il Movimento Federalista Europeo.

Alla tavola rotonda, a Bari il 24 maggio 2017 (ore 9.00 - Aula Starace), parteciperanno Raul Caruso – Università Cattolica del Sacro Cuore e Direttore CESPIC, Giorgio Anselmi - Presidente nazionale Movimento Federalista Europeo, Pier Virgilio Dastoli - Presidente Movimento Europeo Italia, Silvano Marseglia - Presidente europeo Associazione Europea degli Insegnanti, Ennio Triggiani - Direttore Dipartimento di Scienze Politiche di Bari. La Tavola sarà moderata da Simona Ciullo, Segretaria regionale Movimento federalista europeo – Puglia.

L’iniziativa, in generale, mira a sottolineare l’importanza dei traguardi raggiunti in termini di benessere, diritti, tutele, opportunità di cui i cittadini europei possono godere; dall’altra, si tenterà di mettere in risalto il significato storico dell'integrazione europea, dal consolidamento della democrazia alla pacificazione del continente, ma soprattutto la necessità del perseguimento e del mantenimento della pace quale condizione vitale ed imprescindibile per la convivenza e lo sviluppo dei popoli.

Download Agenda dei lavori