Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Venerdì 27 aprile 2018 ore 18,00, voce ai “Dialoghi sul futuro dell'Europa. Immigrazione: tra cultura dei recinti e tutela dei diritti umani”. Si tratta del primo di una serie di incontri promossi dallo Europe Direct Puglia con l’obiettivo di alimentare un dibattito informato e aperto alla società civile sui temi più attuali e controversi che riguardano la vita istituzionale e politica dell’Unione europea.

Nel corso del primo dialogo, che si terrà presso la Libreria Culture Club Cafè di Mola di Bari, si discuteranno le molteplici questioni legate all’immigrazione in Italia e nel contesto europeo. Saranno oggetto di dibattito le luci e le ombre della gestione del fenomeno migratorio da parte delle istituzioni europee, tra la tentazione di erigere muri e la necessità di “restare umani” costruendo ponti e rispettando i diritti umani, l’accordo con la Libia, i problemi mai sopiti del conflitto mediorientale e della jihad. Tali temi, proiettati nel più ampio scenario globale, verranno trattati dal Prof. Ivan Ingravallo, docente di diritto dell’Unione europea dell’Università di Bari Aldo Moro e dal saggista Waldemaro Morgese, che presenterà in tale occasione il suo volume “L’Europa è di tutti. L’Italia fra Europa e globalizzazione”, Edizioni dal Sud, 2017. A moderare l'evento l’economista Michele Capriati.

Partecipando all'evento tutti avranno l’opportunità di esprimere, sia personalmente che in forma anonima, preoccupazioni, critiche ma anche suggerimenti ed aspettative rispetto all’azione dell’Unione Europea. Le opinioni, che potranno essere raccolte attraverso delle cartoline che saranno distribuite durante l'evento, contribuiranno a fornire alla Commissione europea un feedback in merito alla sua azione politica.