Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Si terrà a Camerino (MC), il 22-23 maggio, la Conferenza “La Green Economy nella regione appenninica”, tema di particolare interesse per l'Università di Camerino insieme all'Eurac Research ed alla Delegazione italiana in Convenzione delle Alpi - Ministero dell'Ambiente, sulla scia di quanto nelle Alpi è stato fatto e ancora si sta portando avanti in materia di Green Economy (Sesta Relazione sullo stato delle Alpi "La green economy nella regione alpina", 2017).

La Conferenza si articola in tre sessioni: Green economy e risorse naturali; Green economy e politiche pubbliche; Green economy, finanza, lavoro e imprese; seguirà una Tavola Rotonda dedicata alla Green economy nel disegno di politiche e azioni per la ricostruzione post-terremoto. Nel contesto della Conferenza è aperta una Call per buone pratiche di green economy in aree montane, diffusa sia a livello nazionale che internazionale (scadenza: 5/5/2018).

Alla Conferenza parteciperanno ricercatori ed esperti di numerose università e istituzioni di ricerca italiane (come Roma Tor Vergata, Roma Tre, Bocconi, Lumsa, Università Cattolica, Università del Molise, Università di Chieti-Pescara, Università della Montagna, oltre naturalmente a Unicam ed Eurac), la Commissione Europea, la FAO-Mountain Partnership, Ministeri, agenzie, istituti e enti nazionali come il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, Agenzia per la Coesione Territoriale, ISTAT, ISPRA, CREA, Federparchi, Fondazione Symbola, Federbim, Confindustria, Gruppo Intesa San Paolo e altre organizzazioni, e sono coinvolti numerosi enti territoriali come i Comuni, le Regioni e i Parchi appenninici.

Approfondimenti e agenda.