Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Si è svolta alla Farnesina la quarta seduta annuale del Comitato Congiunto per la Cooperazione allo Sviluppo, presieduta dalla Vice Ministra con delega alla cooperazione, Emanuela Del Re. In apertura dei lavori, la Vice Ministra ha sottolineato “l'assoluta centralità, la valenza strategica e la capacità propositiva della cooperazione internazionale allo sviluppo nell'ambito della politica estera italiana”, ricordando in quest'ottica la Conferenza Italia-Africa in programma il 25 ottobre alla Farnesina: “un'occasione preziosa per pensare insieme modalità di partenariato italo-africano al passo con i tempi e con il nostro livello di ambizione, sulla traccia già avviata dal Presidente del Consiglio e dal Ministro Moavero”.

Nel corso del Comitato sono stati approvati contributi a organismi e agenzie specializzate e contributi bilaterali per un importo complessivo di quasi 150 milioni di Euro. In termini di ripartizione geografica, sono stati deliberati 9 interventi a favore di Paesi africani (Kenya, Tunisia, Senegal, Mozambico, Somalia), 2 interventi in Medioriente (Giordania e Iraq), uno in Asia (Afghanistan), oltre a due contributi volontari a beneficio di ONU e FAO.

Come ha sottolineato la Vice Ministra Del Re “i nostri interventi mirano ad accompagnare Paesi, popoli e persone sulla via dello sviluppo sostenibile, così come previsto dall'Agenda 2030, operando insieme per il bene comune, nella convinzione che ciò possa generare dividendi in termini di pace e di sicurezza per noi e per le generazioni future”.

Il Comitato ha inoltre approvato il bando annuale per i progetti promossi dalle Organizzazioni della Società Civile con una dotazione di 70 milioni, “a dimostrazione dello spazio importante e qualificato che intendiamo riservare ai molti attori del variegato panorama della Cooperazione Italiana”, nelle parole della Vice Ministra.