Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Gli Strumenti finanziari e la Cooperazione territoriale europea sono due delle tematiche che coinvolgono maggiormente le Regioni e le Province autonome italiane nell’ambito della programmazione europea. Su questi temi, presso il Centro interregionale di studi e documentazione "CINSEDO", si è svolto il seminario intitolato “Strumenti finanziari e Cooperazione territoriale europea: gli scenari strategici e le proposte regolamentari post 2020”.

L’obiettivo principale è stato quello di condividere le esperienze del periodo 2014-2020 e riflettere sul prossimo periodo, sulla base delle lezioni apprese e dello scambio di best practice. Relatori del seminario sono stati gli esperti di t33 (Ancona) che, da un lato, hanno supportato la Banca europea per gli investimenti nell’attuazione della Piattaforma fi-compass e dall’altro sono valutatori di numerosi programmi di cooperazione territoriale in tutta l’Unione Europea.

Il seminario è stato aperto da Andrea Ciaffi (Dirigente Rapporti con l’Unione europea della Conferenza delle Regioni) che ha presentato l’iniziativa nel contesto del “VII Ciclo di formazione in materia europea - Programma 2019” del Cinsedo, in continuità con il programma dello scorso anno, ricordando in particolare il laboratorio sugli “indicatori FESR post 2020” condotto dagli stessi esperti di t33 nel mese di marzo 2018 ed il “Campus UE” che si terrà a luglio 2019, iniziativa di Alta formazione organizzata in partnership con t33 per i dirigenti e i funzionari delle Regioni e delle Province autonome.

Lucio Caporizzi (Direttore Programmazione, affari internazionali ed europei, Regione Umbria) ha sottolineato l’importante ricaduta operativa che questo tipo di approfondimento può avere, considerato il momento cruciale in cui il seminario si svolge, in vista della nuova programmazione 2021-2027.

La prima parte del seminario, dedicata agli Strumenti finanziari, si è basata sulle esperienze maturate nell’attuale periodo di programmazione ed ha preso in esame le attuali proposte regolamentari, individuando le principali criticità e opportunità per le regioni italiane.

Alessandro Valenza (t33) ha messo in evidenza i principali cambiamenti contenuti nelle proposte di regolamento per il periodo 2021-2027, soffermandosi in particolare sulla valutazione ex ante e sulla semplificazione.

Giovanni Familiari (t33) ha invece trattato le novità che riguardano il monitoraggio, sottolineandone l’evoluzione a partire dal periodo 2007-2013 e mettendo in evidenza le potenzialità che derivano dai dati rilevati, in particolare in termini di gestione del rischio.

Lorenzo Palego (t33), sulla base delle novità illustrate, ha presentato le innovazioni tecnico-metodologiche per il nuovo periodo di programmazione, mettendo in evidenza lezioni ed opportunità sulla base dei dati sull’utilizzo degli strumenti finanziari nei Programmi Operativi in Italia e citando casi concreti nei settori agricoltura e sociale ed evidenziando i princìpi del “social impact investing”, di cui si cominciano a vedere esempi innovativi all’interno dei fondi UE).

La seconda parte del seminario è stata dedicata alla Cooperazione Territoriale europea. Nicola Brignani (t33) ha messo in evidenza le novità in arrivo post 2020: un unico regolamento applicabile, 5 policy objectives e 2 Interreg specific objectives, il budget, i principali cambiamenti alla CTE (Interreg) soffermandosi, al contempo, su alcune questioni cruciali che le nuove regole lascerebbero ancora irrisolte e che sono tuttora oggetto di dibattito.

Al seminario, organizzato dal Cinsedo nell’ambito del VII Ciclo di formazione in materia europea – Programma 2019, erano iscritti oltre 170 tra funzionari e dirigenti provenienti da tutte le Regioni e le Province autonome.

In chiusura dei lavori, è stato presentato il Campus UE “La politica di coesione post 2020: i bisogni delle Regioni, la strategia dell’Europa”, organizzato dal Cinsedo in partnership con t33 nell’ambito del VII Ciclo di formazione in materia europea – Programma 2019. L’obiettivo del Campus sarà quello di prepararsi ai nuovi regolamenti sulla base delle lezioni apprese nell’attuale periodo di programmazione e delle opportunità future, con un approccio metodologico bottom-up. Il Campus si svolgerà dall’8 all’11 luglio prossimi a Roma, presso il Cinsedo.

Le dichiarazioni di alcuni relatori:
• Cooperazione internazionale, Brignani, nuovo regolamento, per Italia possibili cambiamenti
• Brignani, con Brexit nuovo regolamento includerà tutte le forme di cooperazione
Cooperazione territoriale: Brignani, dal parlamento oltre 11 miliardi per questo strumento
• Cooperazione territoriale, Brignani, sul tema c'è nel Parlamento europeo unità di intenti
• Valenza: Commissione Ue ha insistito per semplificazione strumenti finanziari
Strumenti finanziari per coesione: Valenza, utili se attirano risorse dei privati