Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

I nuovi dati pubblicati dall'Ufficio europeo di sostegno per l'asilo (EASO) mostrano che, nel 2018, le domande di asilo nell'UE sono diminuite per il terzo anno consecutivo. Il numero di richieste ricevute è tornato ai livelli precedenti alla crisi. Nel 2018 sono state registrate in totale 664.480 domande di protezione internazionale nell'UE, in Norvegia e in Svizzera. La tendenza generale di forte calo delle richieste è proseguita nel 2019, nonostante un aumento nei primi 5 mesi.

Il Commissario per la Migrazione, gli affari interni e la cittadinanza, Dimitris Avramopoulos, ha dichiarato: "La forte diminuzione delle domande di asilo nell'UE è il risultato degli sforzi congiunti dell'UE su tutti i fronti. Ora siamo in grado di gestire meglio le frontiere, abbiamo istituito partenariati efficaci con i paesi di origine e di transito e abbiamo intensificato i nostri sforzi per proteggere i migranti lungo il percorso che compiono e combattere le cause profonde della migrazione irregolare. Dobbiamo continuare a lavorare insieme nell'ottica di un approccio comune europeo".

La relazione annuale del 2018 sulla situazione dell'asilo nell'UE è disponibile online QUI!