Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Presentato alla Loggia dei Mercanti di Ancona il quarto ed ultimo bando del Programma Europeo See - South East Europe. “Il See rappresenta una concreta opportunità di sviluppo per le reti fra i territori dei diversi spazi di cooperazione transnazionale - ha evidenziato il vice presidente della giunta regionale delle Marche Paolo Petrini - e un sostegno sempre più indispensabile al processo di integrazione europea”.


L'Info Day di Ancona - ha aggiunto Petrini - rientra “tra gli obiettivi delle Marche di valorizzare le opportunità offerte dai programmi individuando priorità ed orientamenti operativi per promuovere la conoscenza e la partecipazione ad iniziative progettuali, riconoscendo la cooperazione territoriale quale strumento fondamentale per avviare forme di collaborazione a scala sovranazionale in diversi settori e con approcci innovativi e sperimentali”.

Il programma See comprende un'area di cooperazione transnazionale tra le più complesse e variegate tra i programmi di cooperazione transnazionale attivi nel periodo 2007-2013. È orientato sui Paesi dell'area balcanico-danubiana ed apre ampi spazi di cooperazione tra le regioni adriatiche italiane, zona estremamente sensibile dell'Europa oggetto delle nuove politiche di preadesione. L'area di cooperazione comprende, oltre ai paesi membri Italia, Austria, Bulgaria, Grecia, Ungheria, Romania, Slovenia, Slovacchia, anche i Paesi Ipa potenziali candidati (Bosnia Erzegovina, Serbia, Montenegro, Albania), i paesi candidati all'adesione (Croazia, ed ex Repubblica di Macedonia) ed i paesi terzi beneficiari di Enpi (Moldova e Ucraina).

Petrini ha evidenziato anche l'importanza strategica del Programma See per le Marche, quale strumento privilegiato a supporto del percorso verso la costituzione della Macroregione adriatico-ionica di cui la Regione si è fatta promotrice.

Approfondimenti: pre-annuncio del 4° ed ultimo bando, con apertura a ottobre 2011.
 

 

Fonte: ANSA