Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

giovInvito a presentare proposte nel quadro del Programma europeo Gioventù in azione. Dedicato al sostegno della costruzione di partenariati, per elaborare o consolidare azioni, strategie e programmi di lunga durata nel campo dell'istruzione non formale e della gioventù.


Il bando si inserisce nel quadro della sottoazione 4.6 - «Partenariati» - del programma «Gioventù in azione» e in linea con le procedure previste nel Programma di lavoro annuale su sovvenzioni e contratti per il Programma «Gioventù in azione», adottato dalla Commissione europea il 7 ottobre 2009. Scopo principale è sostenere i partenariati tra la Commissione europea, attraverso l'Agenzia esecutiva per l'istruzione, gli audiovisivi e la cultura, e quelle regioni, municipalità o ONG europee che intendono elaborare o consolidare le loro azioni, strategie e i loro programmi di lunga durata nel campo dell'istruzione non formale e della gioventù.

In particolare, si intende sviluppare partenariati con enti regionali o locali al fine di:
- incoraggiare la loro partecipazione ad attività europee nel campo dell'istruzione non formale e della gioventù,
- sostenere la capacità del loro sviluppo come enti attivi nel campo della gioventù ed erogatori di opportunità di istruzione non formale destinate ai giovani e ai giovani lavoratori,
- promuovere lo sviluppo di reti sostenibili, uno scambio di pratiche migliori ed il riconoscimento dell'istruzione non formale.

Sarà data preferenza ai progetti che riflettono meglio le priorità permanenti del programma «Gioventù in azione»: partecipazione dei giovani; diversità culturale; cittadinanza europea; inserimento di giovani con minore opportunità. Inoltre sarà data preferenza a progetti ben strutturati, che vengono inquadrati all'interno di una prospettiva a lungo termine e che vengono concepiti al raggiungimento di un ottica con effetto moltiplicatore e un impatto sostenibile. I progetti devono essere avviati prevedendo un programma di attività a scopo non lucrativo ed essere inseriti nel campo della gioventù e dell'istruzione non formale.

Ai fini del presente invito a presentare proposte sono ammissibili le seguenti attività: scambi di giovani a livello transnazionale; iniziative dei giovani a livello nazionale o transnazionale; servizio volontario europeo; formazione e attività di networking.

I candidati devono presentare un programma di attività che rispettano i criteri specifici, applicabili a ciascuna attività ammissibile. Inoltre, il programma di attività deve contemplare attività che mirino a garantire il coordinamento del progetto e la visibilità del partenariato.

Il programma di attività, della durata di 2 anni, deve iniziare tra il 1° aprile 2011 e il 1° settembre 2011. Può essere realizzato direttamente dal candidato o in collaborazione con uno o più «partner co-organizzatori» ampiamente coinvolti nella definizione e nell'attuazione del progetto e designati dal candidato all'atto della presentazione della domanda. In entrambi i casi il programma di attività può prevedere la partecipazione di «partner associati».

L'importo finanziario disponibile è di 1.200.000 euro. Le domande devono essere inviate, entro e non oltre l'8 ottobre 2010, al seguente indirizzo: Education, Audiovisual and Culture Executive Agency ‘Youth in Action' Programme - EACEA/16/10 BOUR 4/029 Avenue du Bourget, 1
1140 Bruxelles/Brussel (Belgio).

In allegato: testo integrale del bando e tutta la documentazione necessaria alla presentazione delle proposte.

 

 

Fonte: P.O.R.E. - Progetto Opportunità delle Regioni in Europa