Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

euIl master in esperto finanziamenti europei prepara figure professionali altamente qualificate in grado di contribuire alla corretta e tempestiva gestione dei fondi pubblici comunitari, di limitare il tasso di irregolarità dei progetti di finanziamento e di prevenire la commissione di irregolarità e frodi ai danni del Bilancio dell’UE.


Forma esperti nelle procedure operative per la presentazione di richieste, gestione e valutazione delle performance collegate alle diverse tipologie di finanziamenti europei all'interno di Amministrazioni pubbliche, delle Agenzie, degli Enti Pubblici territoriali (regionali e locali) e di altre realtà pubbliche e private quali aziende e studi professionali. Il master è riservato a laureati (lauree quadriennali e lauree specialistiche) in Economia, Giurisprudenza, Scienze Politiche e dipendenti della Pubblica Amministrazione, di aziende private e/o di soggetti, comunque aventi titolo a beneficiare di finanziamenti europei, in possesso di laurea quadriennale o specialistica, che stiano svolgendo (o siano designati a svolgere) in qualità di dirigenti o funzionari incarichi attinenti alle tematiche oggetto del Master. Sono ammessi gli studenti con un titolo estero secondo le modalità previste nel Regolamento.

Scadenza di presentazione della domanda di ammissione al master: 15 dicembre 2010.
Scadenza di iscrizione al master: 15 gennaio 2011.

Approfondimenti: sito web MEFE.

 

 

Fonte: Dipartimento Politiche Comunitarie