Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

C’è tempo fino al 14 gennaio 2011 per partecipare al bando 2010 per “Azioni comunitarie” lanciato nel quadro del Fondo europeo per l’integrazione di cittadini di Paesi terzi. Il bando intende cofinanziare la realizzazione di progetti transnazionali che promuovono la cooperazione in materia d’integrazione di immigrati in soggiorno regolare nell’UE.


In particolare, i progetti dovranno focalizzarsi sulle seguenti priorità:
1. Migliorare la gestione della diversità nei quartieri;
2. Migliorare la partecipazione degli immigrati al processo democratico;
3. Migliorare le misure d’integrazione destinate a differenti gruppi di immigrati;
4. Analizzare i legami tra politiche di ammissione e processo d’integrazione.

Il bando si rivolge ad autorità nazionali, regionali o locali, ONG, enti pubblici e privati, compreso università e centri di ricerca, e organizzazioni internazionali. I progetti dovranno coinvolgere almeno 3 partner di differenti Stati UE (escluso la Danimarca). Il contributo UE potrà coprire fino al 90% dei costi totali ammissibili del progetto e sarà compreso fra 350.000 € e 1.000.000 €.

Per informazioni più dettagliate e documentazione si veda la scheda informativa qui di seguito:
Fondo europeo per l`integrazione di cittadini di Paesi terzi - Bando 2010 per Azioni comunitarie.

 

 

Fonte: EuropaFacile