Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Le ricerche di Coopi, Amnesty, Greenpeace, Emergency, Msf, Cesvi e Ai.Bi: 30 le posizioni aperte da Coopi (project manager, amministratori e coordinatori di progetti, medici, psicologi e architetti); 20 i dialogatori ricercati da Greenpeace a Milano, Roma, Napoli, Torino e Bologna; 340 le new entry 2011 di Medici senza frontiere che cerca medici, esperti in gestione delle risorse umane, logistica, costruzione, meccanica ed elettricità.


L’«altra economia» cresce, anche se di poco, con un incremento dello 0,7% rispetto all’anno scorso. Sfiora il 5% del Pil, occupa 4 milioni di persone (il 18% dei lavoratori italiani) di cui 750.000 remunerati, e si stima che i possibili fruitori raggiungano ormai i 50 milioni. Tre lavoratori su quattro sono laureati, più della metà sono donne e l’età media è di 40 anni, mentre l’80% delle organizzazioni ne ha meno di 20 (dati Libro bianco sul terzo settore). In questo scenario sono significative le assunzioni nella cooperazione. Per esempio Coopi che in questo momento ha aperte 30 posizioni di cui 20 in Africa dove cerca: project manager, amministratori e coordinatori di progetti ma anche di medici, psicologi e perfino architetti. La durata media dei progetti è di 8/9 mesi e, tranne che per le figure medico infermieristiche che spesso partono utilizzando un’aspettativa dal lavoro (legge 266/91), si tratta di professionisti con una solida esperienza nel mondo della cooperazione. Limitate sono invece le opportunità per neolaureati che spesso devono prima «farsi le ossa» in contesti più piccoli gestendo budget più limitati e complessità inferiori. Sempre aperte invece in Italia le ricerche di dialogatori e in questo periodo anche di team leader, amministrativi e coordinatori banchetti (Coopi.it).

Dialogatori ambiti tutto l’anno anche da Amnesty – organizzazione per i diritti umani - che li cerca part time (Amnesty.it) e da Greenpeace - realtà ambientalista e pacifista - che ne cerca 20 su Milano, Roma, Napoli, Torino e Bologna oltre a un contabile a Roma (Greenpeace.org). Si concentra invece sui profili sanitari e sulle missioni all’estero Emergency - organizzazione pacifista e di assistenza medica- che anche quest’anno prevede di inserire circa 120 fra medici, farmacisti e amministratori. Si tratta di professionisti senior per missioni all’estero di 3/6 mesi (Emergency.it). Sempre aperte le ricerche anche in Medici senza frontiere che prevede di confermare i quasi 340 inserimenti dell’anno scorso e cerca medici, soprattutto ginecologhe e anestesisti, oltre ad esperti in gestione delle risorse umane, logistica, costruzione, meccanica, elettricità (Medicisenzafrontiere.it).

Opportunità, ma in questo momento solo all’estero (quest’anno ha già inserito 74, 6 in Italia), in Cesvi -organizzazione umanitaria – che cerca 5 professionisti nella Repubblica del Congo e in Afghanistan (Cesvi.org). Sette opportunità vengono invece da Ai.Bi – ong di famiglie adottive e affidatarie – che cerca: un responsabile ufficio stampa con esperienza, un commerciale per il merchandising e 4/5 project manager per mandati di 24 mesi all’estero. Nell’anno si aprono però anche ricerche per psicologi, educatori e operatori socio sanitari (Aibi.it).