Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

In scadenza bandi della Commissione europea su sviluppo, inchieste presso imprese, ricerca e lotta alla criminalità, nell'ambito di Cooperazione Europeaid; programma Ue congiunto e armonizzato di inchieste presso imprese e consumatori in Lussemburgo, Malta, Svezia e nei paesi candidati Islanda e Montenegro; programma di lavoro “Idee 2012” del Settimo programma Quadro; programma “Prevenzione e lotta alla criminalità (2007-2013)”.


Il primo, nell'ambito del programma Cooperazione Europeaid, riguarda proposte per il programma tematico attori non statali e autorità locali nello sviluppo. L'obiettivo del bando è sostenere le azioni proposte e realizzate dalle autorità locali e dalle associazioni delle autorità locali degli Stati membri dell'Unione europea e dei paesi partner al fine di rafforzarne la capacità nell'attuare le politiche pubbliche, in linea con gli impegni internazionali di sviluppo (Obiettivi del Millennium); promuovere e sostenere un dialogo strutturato e inclusivo con le loro comunità e con gli stakeholder. Uno degli obiettivi specifici è la sensibilizzazione ed educazione allo sviluppo in Europa e nei paesi in via di adesione. L'importo disponibile è di 16,2 milioni di euro. Il bando scade il 1° febbraio 2012.

Il secondo invito riguarda proposte per la realizzazione di inchieste nel quadro del programma Ue congiunto e armonizzato di inchieste presso le imprese e i consumatori in Lussemburgo, Malta, Svezia e nei paesi candidati Islanda e Montenegro. Questa cooperazione assumerà la forma di una convenzione quadro di partenariato tra la Commissione e gli organismi specializzati, della durata di tre anni. Obiettivo del programma è raccogliere dati sulla situazione economica degli Stati membri dell'Unione e dei paesi candidati allo scopo di comparare i loro cicli congiunturali al fine di gestire l'Unione economica e monetaria (Uem). In particolare, la Commissione è interessata a svolgere, nei prossimi tre anni, inchieste sugli investimenti, nel settore delle costruzioni, nel settore del commercio al dettaglio, nel settore dei servizi, nell'industria, e inchieste ad hoc su temi di attualità economica. Il totale delle risorse di bilancio stanziate per le inchieste per il periodo maggio 2012-aprile 2013 è di 175 mila euro. Per i due anni successivi lo stanziamento potrebbe essere aumentato del 2 per cento circa l'anno, nei limiti delle risorse di bilancio disponibili. Il bando scade il 19 dicembre 2011.

E poi un invito a presentare proposte nell'ambito del programma di lavoro “Idee 2012” del settimo programma quadro comunitario per la ricerca, lo sviluppo tecnologico e le attività di dimostrazione. Si tratta di un “advanced investigators grant” per il 2012. Le proposte saranno presentate e valutate suddivise nei seguenti 3 settori: scienze naturali ed ingegneristiche, scienze della vita, scienze sociali e umane. I beneficiari sono scienziati e studiosi affermati, leader nel proprio settore di ricerca. L’importo disponibile è di 679.980 milioni di euro. Il bando scade il 16 febbraio 2012 per la presentazione delle proposte per il settore scienze naturali ed ingegneristiche- Panels PE1-PE10; il 14 marzo 2012 per le proposte per il settore scienze della vita - Panels LS1–LS9; l’11 aprile 2012, per il settore scienze sociali e umane - Panels SH1–SH6.

Infine, dalla Commissione europea arriva un altro invito a presentare proposte nell’ambito del programma specifico “Prevenzione e lotta alla criminalità (2007-2013)”. Le priorità indicate dal bando sono: misure per far fronte alle minacce che scaturiscono dal possibile utilizzo da parte di terroristi di materiali chimici, biologici, radiologici e nucleari, così come esplosivi; la radicalizzazione che conduce al terrorismo e la protezione delle vittime del terrorismo; la tratta di esseri umani; lo sfruttamento sessuale dei bambini e l’uso illegale di Internet; la criminalità economica e finanziaria, per ostacolare le reti criminali transnazionali attraverso una migliore prevenzione e individuazione di fenomeni quali la corruzione, il riciclaggio di denaro, il finanziamento del terrorismo, la frode, la contraffazione (anche di medicinali) e l’estorsione; la cooperazione transfrontaliera; la cooperazione operativa nell’applicazione della legge, incluso la cooperazione doganale e le squadre investigative comuni in collaborazione con Europol e Eurojust; la cooperazione transfrontaliera per la riduzione dell’offerta di droga e il sostegno a piattaforme regionali di cooperazione che favoriscono lo scambio di informazioni; la formazione e scambi tra funzionari incaricati dell’applicazione della legge; il traffico d’armi, inclusa la prevenzione, l’indagine sui trafficanti e l’esercizio dell'azione penale nei loro confronti; la prevenzione della criminalità, incluso quella urbana, giovanile, ambientale, attraverso lo sviluppo di partnership fra settore pubblico, enti privati e Ong; la possibilità di condividere informazioni attraverso la rete di Europol; la protezione e l’integrazione delle vittime e dei testimoni della criminalità organizzata (compresa la mafia) e del terrorismo. Il bando scade il 24 febbraio 2012.


Approfondimenti: Commissione europea.