Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Dalla Commissione europea arriva il programma "Europa creativa", dedicato alle migliaia di persone attive nel campo del cinema, della tv, della cultura, della musica, delle arti dello spettacolo, del patrimonio culturale e ambiti correlati. "Europa creativa" beneficerà di un bilancio di 1,8 miliardi di euro per il periodo 2014-2020 e prenderà le mosse dalle esperienze e dai risultati positivi dei programmi Cultura e Media, che promuovono i settori culturali e audiovisivi da più di vent'anni.


Il nuovo programma stanzierà più di 900 milioni di euro a sostegno del settore cinematografico e audiovisivo e quasi 500 milioni di euro per il settore culturale. La Commissione intende inoltre stanziare più di 210 milioni di euro per un nuovo strumento di garanzia finanziaria destinato a consentire ai piccoli operatori di accedere a prestiti bancari su un totale di quasi un miliardo di euro e destinerà circa 60 milioni di euro a sostegno della cooperazione politica e delle strategie innovative in tema di audience building e di nuovi modelli imprenditoriali.

La proposta di “Europa creativa” è in discussione in seno al Consiglio dei 27 Stati membri e al Parlamento europeo, che adotteranno la decisione finale sul quadro finanziario per il 2014-2020. Nello specifico, la proposta "Europa creativa" consentirà a 300mila artisti e operatori culturali e alle loro opere di ricevere finanziamenti per raggiungere nuove categorie di pubblico al di là dei loro confini nazionali; più di mille film europei riceveranno un sostegno alla distribuzione consentendo loro di essere visti dal pubblico di tutta Europa e del mondo; almeno 2.500 sale cinematografiche europee riceveranno finanziamenti che consentiranno loro di assicurare che almeno il 50 per cento dei film in esse proiettati siano europei; più di 5.500 libri e altre opere letterarie riceveranno un sostegno alla traduzione consentendo ai lettori di apprezzarli nella loro lingua materna; migliaia di organizzazioni e operatori del mondo della cultura beneficeranno di una formazione per acquisire nuove abilità e per rafforzare la loro capacità di operare su scala internazionale; i progetti finanziati dal programma raggiungeranno un pubblico di almeno 100 milioni di persone.