Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Scade il 15 maggio l’invito a presentare proposte pubblicato nell’ambito del Programma "Gioventù in azione", che promuove l'educazione non formale, i progetti europei di mobilità giovanile internazionale di gruppo e individuale, attraverso gli scambi e le attività di volontariato all'estero, l'apprendimento interculturale e le iniziative dei giovani di età compresa tra i 13 e i 30 anni.


Le priorità annuali definite dalla Commissione europea per il 2012 sono:
- disoccupazione, povertà ed emarginazione giovanili,
- spirito d'iniziativa, creatività, senso imprenditoriale e occupabilità,
- attività sportive accessibili a tutti e attività all'aperto,
- sfide globali dell'ambiente e mutamenti climatici.

Obiettivo prioritario è quello di sostenere progetti che promuovano la cooperazione nel settore della gioventù tra i paesi aderenti al programma «Gioventù in azione» e i paesi partner diversi dai paesi limitrofi all'Unione europea (paesi che abbiano firmato con l'Unione europea un accordo nel campo della gioventù). Il presente invito riguarda la concessione di sovvenzioni a progetti. I suoi obiettivi specifici sono i seguenti:
- migliorare la mobilità dei giovani e degli operatori socioeducativi nel settore della gioventù, nonché l'occupabilità dei giovani,
- promuovere la consapevolezza tra i giovani nonché il loro impegno attivo,
- sostenere il potenziamento delle capacità delle organizzazioni e delle strutture giovanili al fine di
contribuire allo sviluppo della società civile,
- promuovere la cooperazione e lo scambio di esperienze e di buone prassi nel settore della gioventù e
dell'istruzione informale,
- contribuire allo sviluppo delle politiche giovanili, del lavoro nel settore della gioventù e del volontariato;
- sviluppare partenariati e reti sostenibili fra organizzazioni giovanili.

Verrà data la precedenza a quei progetti che meglio rispecchiano le seguenti priorità.
i) priorità permanenti del programma «Gioventù in azione»;
ii) priorità annuali del programma «Gioventù in azione»;
iii) cooperazione con specifiche regioni o specifici paesi partner (sarà dedicata attenzione a progetti volti alla promozione del dialogo, dello scambio e della cooperazione nel settore della gioventù tra l'UE e la Cina).