Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

La Commissione europea ha adottato il nuovo programma di lavoro 2018-2020 del programma per l’ambiente e l’azione per il clima "LIFE", che aggiorna le priorità strategiche dello strumento e semplifica l'accesso ai fondi europei sulla base dei suggerimenti emersi dalla valutazione intermedia.

Innanzitutto si avrà una nuova procedura di candidatura in 2 fasi per i progetti tradizionali relativi al sottoprogramma Ambiente. La procedura per il sottoprogramma Azione per il Clima, invece, rimarrà invariata.

Tale cambiamento consentirà ai proponenti di elaborare una proposta di sole 10 pagine nella prima fase (concept note), risparmiando tempo e risorse in caso di insuccesso, e aumenta la possibilità di finanziamento alla seconda fase (full proposal) nel quale la competizione sarà minore, in quanto aperta solo alle proposte selezionate nella prima fase.

In linea di massima i bandi dovrebbero essere pubblicati a metà aprile 2018 (con prima scadenza 12 giugno 2018), con l'eccezione del bando per progetti di rafforzamento delle capacità (sottoprogrammi Ambiente e Clima insieme), atteso entro il primo trimestre 2018.

Un'ulteriore novità che riguarda il sottoprogramma Ambiente è la riduzione dei temi dei progetti, che scendono da 87 a 42, e una maggiore attenzione a orientare più marcatamente i candidati verso le priorità strategiche dell'UE.

Le nuove linee guida incoraggeranno inoltre il coinvolgimento delle imprese private nei progetti LIFE. Sarà dedicata all'approccio "vicino al mercato" per far sì che i risultati dei progetti continuino a crescere oltre la durata del finanziamento.

LIFE premierà anche i progetti che mobilitano fondi complementari di partner privati e pubblici per aumentare e replicare le soluzioni sviluppate. Infine, si introduce l’obbligo di indicare effetti misurabili sull’ambiente o sui cambiamenti climatici che i progetti finanziati dovrebbero determinare in tutti i settori prioritari.

Approfondimenti: Two- stage application for LIFE Environment sub-programme - a major simplification for LIFE applicants.